E’ morta Lidia Menapace : partigiana combattente

Il Covid si è portato via una grande donna. Si dirà vabbè aveva 96 anni, ma senza covid sicuramente avrebbe potuto vivere altri anni e offrire ancora il suo contributo per la vita politica e democratica di questo paese come dimostrava di esserne capace nell’ultima intervista del 24 aprile a La Repubblica.

Una sua breve biografia:

Ancora giovanissima prese parte alla Resistenza come staffetta partigiana e nel dopoguerra si impegnò nei movimenti cattolici, in particolare con la FUCI – Federazione Universitaria Cattolica Italiana. Nel 1952 si trasferì in Alto Adige e nel 1964 fu, quale candidata della Democrazia Cristiana, la prima donna eletta nel consiglio provinciale di Bolzano, insieme a Waltraud Gebert Deeg. In quella stessa legislatura fu anche la prima donna ad entrare nella giunta provinciale, come assessora effettiva per affari sociali e sanità.
All’inizio degli anni sessanta prese servizio presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore con l’incarico di lettore di Lingua italiana e metodologia degli studi letterari, che però nel 1968 non le fu rinnovato a seguito della pubblicazione di un documento intitolato Per una scelta marxista. Dopo essere uscita dalla Democrazia Cristiana nel 1968, simpatizzò per il Partito Comunista Italiano, ma nel 1969 venne chiamata dai fondatori nel primo nucleo de il manifesto. Nel 1973 fu tra le promotrici del movimento Cristiani per il Socialismo ed entrò a far parte del Comitato per i diritti civili delle prostitute come membro laico.
Nel maggio 2005 fu eletta nel Comitato Etico di Banca Popolare Etica[6]in cui rimase per un anno, dopodiché divenne senatrice.
Nell’aprile 2011 entrò nel Comitato Nazionale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.
Lidia Menapace rappresentò inoltre una delle voci più importanti del femminismo italiano.
Prese parte al docu-film Lunàdigas, uscito nelle sale cinematografiche italiane nel 2016, con una sua testimonianza sulla scelta di non avere figli.

Vi propongo qui la video documentario su e con Lidia Menapace

Lascia un commento